San Nicola di Myra
(dal 1087 le spoglie si trovano a Bari)


San Nicola da Bari - Icona

San Nicola, icona della Russia, eccezionalmente firmato con "Aleksa Petrov 1294
Su icone di solito nominate con l'iscrizione nel vocativo: O Nikolaus (aiutami)!

San Nicola, icona della Russia, eccezionalmente firmato con "Aleksa Petrov 1294"

Su icone di solito nominate con l'iscrizione nel vocativo: O San Nicola (aiutami)!
 

Un'insolita immagine di San Nicola, a disegno individuale e a colori freschi, con pallio decorato a croce e con libro del Vangelo, su cuscini rossi (non in terra, ma in cielo!). Gesù con il Vangelo e Maria con il telo per asciugare le lacrime - al contrario della Deesis si rivolgono al santo per ascoltarlo nella sua intercessione per i bisognosi. La leggenda lo descrive come un combattente vivace e allo stesso tempo come un uomo abile nella mediazione e nella misericordia davanti alla giustizia.
 

In cima all'altare, gli arcangeli Michele e Raffaello, gli apostoli e molti santi. Qui sotto, la vita, la biografia, che consiste principalmente di miracoli. Colpisce i colori scuri dei vestiti di questa vecchia icona. Colpisce sempre in Nicola la fronte alta e rugosa con un ciuffo ("testa di predicatore" - in realtà un ornamento vanitoso). Piccola è la bocca e grandi sono le orecchie, perché Nicola sente e ascolta. Tuttavia, lo sguardo rivolto verso l'esterno non è tipico, probabilmente è andato a un'icona di Cristo Pantokrator nel mezzo dell'angolo rosso/bello a sud-est del salotto di una casa colonica, perché questa è probabilmente un'icona di famiglia con tutti i suoi santi preferiti.
 

Nicola e le tre ragazze povere

 

San Nicola e le tre ragazze povere

I tre gingilli d'oro o mele nella raffigurazione del Santo dei miracoli Nicola raccontano del dono del denaro che egli gettava di nascosto nella finestra (o per il camino) nelle calze appese come dote per un vero matrimonio, sicché che il povero padre potesse rinunciare alle sue tre figlie di dover prostituirsi.

 

Durante una carestia a Myra, Nicola chiese solo qualche staio di grano da ciascuna delle navi destinate all'imperatore a Roma e assicurò che con le sue preghiere non sarebbe mancato nulla alla consegna, cosa che si rivelò vera. Nicola, tuttavia, cosí ha potuto nutrire la sua comunità per anni e persino distribuire sementi.
 


Nicola patrono dei marinaiPer salvare una nave in difficoltà con tre pellegrini che stavano lasciando Efeso per riportare l'olio santo destinato a una cappella cristiana al tempio di Diana, si è imbarcato sulla nave, ha calmato la tempesta e ha portato la nave in porto in sicurezza. Divenne il più importante patrono dei marinai
 

Nicola incontrò tre comandanti romani orientali, che invitò a casa sua per conquistarli a risparmiare la città minacciata di Myra. Hanno assistito a come il vescovo ha salvato tre innocenti condannati a morte dall'esecuzione battendo la spada dalla mano del boia. Tornati a Bisanzio, i tre comandanti divennero vittime di intrighi e furono essi stessi condannati a morte. Nel sotterraneo chiesero l'aiuto di Nicola, che poi apparve in sogno all'imperatore e all'intrallazzatore. Profondamente scioccato, l'imperatore ordinò il rilascio dei comandanti.

 

Nicola patrono dei giovani

Tre studiosi (studenti erranti) stavano andando ad Atene e hanno preso alloggio in una locanda solitaria vicino a Myra. 
Il locandiere, che sospettava che avessero oggetti di valore in loro possesso, uccise i tre. Per sbarazzarsi dei corpi e trarne profitto, tagliò i corpi e salò la carne in un barile.
Il mattino dopo, San Nicola appare alla locanda. Chiede carne salata e smaschera il crimine. Per sua intercessione i tre studenti sono riportati in vita da Dio.

 

La sera prima della festa di San Nicola (6 dicembre), i bambini mettono gli stivali, le pantofole o le calze fuori dalla porta. Questi sono stati riempiti di dolci durante la notte da San Nicola. Anche Martin Lutero si è esercitato - con riluttanza - a fare regali ai bambini alla vigilia di San Nicola nella sua famiglia, ma avrebbe voluto regalarli al Cristo Bambino a Natale. 

Oggi la paura dell'infernale Krampus, che Knecht Ruprecht è diventato al servizio di San Nicola, ha ceduto il passo. È rimasto il moralismo durante la visita di San Nicola nella nursery, ma anche l'affetto sconfinato dei bambini (o dei detenuti della casa di riposo!) per la figura paterna e vescovile di San Nicola.


"La leggenda è più reale della realtà stessa"

Johann Wolfgang von Goethe

 

In Stein gehauene Felsengräber an einem Berghang
Myra: sopra le tombe rupestri licie e sotto l'anfiteatro romano

Blick von den Zuschauerrängen auf die Bühne

Sotto: Accesso alla Basilica di San Nicola del X secolo

Già ristrutturato (!) dall'Imperatore Giustiniano nel 529, ha subito terremoti e guerre,

1087 derubato delle reliquie (Bari), col tempo decaduto alla rovina.

Viene sapientemente restaurato da decenni (ad es. tetto provvisorio sottostante).

Al piano di sotto: Accesso alla Basilica di San Nicola del X secolo
Già ristrutturato (!) dall'imperatore Giustiniano nel 529, ha subito terremoti e guerre,
1087 derubato delle reliquie (Bari), decaduto alla rovina.
È stato sapientemente restaurato per decenni (ad es. tetto provvisorio sottostante).