Pablo Picasso - Guernica 1937

 

Guernica Picasso 1937
Picasso, Guernica, olio su tela (3,5 e 7,8 metri)

 

Picasso dipingerà un grande quadro per l'esposizione mondiale di Parigi del 1937.
Dopo il bombardamento di Guernica da parte di aerei tedeschi e italiani è stato chiaro a Picasso
Un'immagine universale di sofferenza, rovina e morte, dipinta in forti contrasti, quasi in bianco e nero.
 
L'immagine ha dimensioni enormi, 349 cm × 777 cm, che è da notare in questa piccola riproduzione -
quindi il doppio dell'altezza del corpo umano e 12 passi di lunghezza!
 
Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

Picasso dipingerà un grande quadro per l'esposizione mondiale di Parigi del 1937.

Dopo il bombardamento di Guernica da parte di aerei tedeschi e italiani è stato chiaro a Picasso:

un'immagine universale di sofferenza, rovina e morte, dipinta in forti contrasti, quasi in bianco e nero.

 

L'immagine ha dimensioni enormi, 349 cm × 777 cm, che è da notare in questa piccola riproduzione - 
quindi il doppio dell'altezza del corpo umano e 12 passi di lunghezza!

 

Come un trittico (altare alato), la scena centrale è accompagnata dai due motivi laterali:

a sinistra la donna che piange per il suo bambino (Pietà) e il toro come simbolo di violenza impazzita

e a destra il grido di morte della donna nella casa in fiamme (sette fiamme).

 

La grande scena centrale raffigura il ferimento e la morte del cavallo (la cavalla come simbolo della vita)

e la caduta della statua vuota. Dalla spada spezzata cresce il ramo d'ulivo.

Sopra luce sul terrore e l'informazione del pubblico mondiale (la donna alla finestra con la lampada).

Il tralcio d'olivo e lo sguardo della donna morente in basso a destra sono diretti verso la luce, con tanto di speranza.

 

In primo piano c'è il ricordo delle vittime! Non è la catastrofe in sé che viene mostrata qui - nessun aereo, nessuna bomba può essere vista; nessun nemico, nessun colpevole!  Nulla rimane nell'immagine dello sfondo militare, nulla dell'orribile uomo mostro, nessun riferimento superficiale ai poteri di fatto. Sono gli effetti della violenza sugli esseri umani, sì, su tutto il creato - su esseri umani e animali - che diventano visibili. Picasso fa anche un passo avanti: come in altri quadri, anche qui il toro a sinistra del quadro rappresenta l'aggressività, la violenza scatenata. Questa violenza è completamente disumanizzata, selvaggia e distrugge tutto. Così non abbellito deve essere visibile e rimanere visibile.

 

A sinistra, la madre che piange per il figlio morto, urlando? Manca una parola per esprimere questa disperazione della madre! L'inferno ardente con persone che piangono, urlano, implorano il cielo allo stesso modo. Da entrambe le parti, da tutte le parti Guernica, Hiroshima, Auschwitz, centinaia di nomi e luoghi da menzionare, dal vecchio e dal nuovo e dal presente.

 

Consolazione e speranza in questo quadro?

 

Il centro dell'immagine è occupato da un monumento ai guerrieri, una statua di un cavaliere strappato da un cavallo e frantumato a terra. Quello che a prima vista è l'orrore del quadro, l'impressione della testa e del braccio recisi, diventa un messaggio di Picasso che punta oltre l'orrore: la spada nella mano della statua in frantumi è rotta! A sinistra, sotto il cavallo ferito, si trova la statua dell'ex guerriero con le braccia spalancate - la statua è fracassata in singoli blocchi cavi, il grande vuoto in certi personaggi "grandiosi". E poi dalla sua stessa iconografia già da tempo utilizzata simbolo di sofferenza assoluta: il cavallo morente (cavalla).

 

Quando si vede per la prima volta la sofferenza, tutto questo è finito: la glorificazione della violenza, della gloria della guerra e dell'onore del guerriero. Come la spada, l'eroizzazione della guerra si spezza. Ciò che rimane sono parole vuote, giustificazioni vuote, forme vuote, in frantumi, a terra...

 

Timidamente dipinta: la spada spezzata - diventa un ramicello in fiore.

 

La pianta come la donna, al centro del quadro, dirigono il loro sguardo, la loro ricerca, verso la luce - i commentatori del quadro lo equiparano all'occhio di Dio. Tuttavia, le linee vanno quasi più direttamente alla lampada, che è tenuta dalla figura dalla finestra nell'immagine e aiuta a illuminare l'evento, lo illumina. Se alziamo lo sguardo, se illuminiamo questi eventi con la luce "giusta", avremo un assaggio di una vera speranza di un mondo migliore - attraverso la sofferenza e l'orrore.

 

Tanto è chiaro il messaggio che una copia della foto nel palazzo del Consiglio di Sicurezza dell'ONU a New York è stata imposta all'epoca della guerra in Iraq del 2003! Quale migliore testimonianza ci può essere su questo quadro se non quella che è tanto temuta dai responsabili della preparazione e della conduzione delle guerre!

 

Se prendiamo sul serio la pianta quasi trasparente della speranza in mezzo all'orrore, se diventa più importante della distruzione - allora questo ha a che fare con la resurrezione, con un nuovo inizio. Un ramo - un riferimento al ramo che la colomba porta all'arca dopo il diluvio? Le colombe della pace di Picasso suggeriscono una tale interpretazione. 

 


Pablo Picasso - colomba della pace

 

Pablo Picasso - Colomba della Pace

 

Questo disegno per il poster di Picasso 
al Congresso mondiale di pace del 1949 a Parigi
è diventato un logo per la pace in tutto il mondo.

 

 

 

 

Pablo Picasso - ragazza con colomba

 

Pablo Picasso

Ragazza con colomba

Ritratto di un bambino 1901

 

 

Picasso è meglio conosciuto come un artista potente che ha creato tutte le forme e le sfumature della vita usando tecniche e forme d'arte sempre nuove. Ritratti di bambini come quello della porta accanto del suo primo periodo creativo sono meno conosciuti, ma sono tra le cose più belle che ha creato.