Leonardo da Vinci - L'Ultima Cena del Signore

 1494/98, Milano, 460×880 cm

 
Leonardo da Vinci, Ultima Cena - restaurata
 
21 anni interi sono stati spesi a Milano per il restauro dell'"Ultima Cena" di Leonardo da Vinci, con i migliori restauratori e i mezzi più moderni della tecnologia avanzata di oggi. Quando l'opera poté essere rivista nel 1999, era veramente come nuova. Non è rimasta traccia dei restauri e delle sovradipinture del passato, anche se l'aspetto originale piuttosto scialbo delude ancora oggi gli osservatori disinformati. Tutta la muffa era stata raschiata dalle fessure più sottili e tutte le tracce di colla erano state rimosse, perché a volte questo era stato fatto per "salvare" il quadro, ma anche, per esempio, per staccarlo dal muro e montarlo altrove. Alcuni apostoli appaiono ora liberati da una barba dipinta più tardi, i colori originali sono riapparsi, piuttosto sobri e "sfumati" però (tipici e inimitabili di Leonardo!), non più sgargianti e quasi kitsch come in seguito spesso "restaurati" secondo il rispettivo gusto dell'epoca. I volti sono stati liberati dalle deformazioni, in Matteo, per esempio, i capelli biondi originali sono stati riscoperti, così come i piedi degli apostoli sotto la tavola. Si possono di nuovo vedere le acconciature, i riccioli e il movimento delle mani e dei piedi, più veri di prima. 
 
Nei primi decenni dopo il 1498, per pura ammirazione, copie di valore di questo capolavoro del genio universale Leonardo da Vinci furono fatte in tutta Europa. Ma poi ci sono stati anche momenti pericolosi per essa, per esempio quando i domenicani stessi hanno allargato la piccola porta della cucina sotto il quadro (forse nell'opinione che il quadro non poteva essere salvato comunque a causa dei danni causati dall'umidità!) e la breccia nel muro ha così semplicemente distrutto i piedi di Gesù. O quando, durante l'occupazione napoleonica, la sala da pranzo, sulla parete nord della quale il quadro è dipinto, fu usata come magazzino e stalla per cavalli, e i soldati puntarono pietre sulla testa e sui piedi degli apostoli e graffiarono gli occhi di alcuni di loro, come era stato fatto prima nella Rivoluzione francese, per privare le persone raffigurate della loro identità. O quando, nel 1943, durante la Grande Guerra, una bomba americana di 2000 kg squarciò il muro sud del refettorio - ma, grazie a Dio, il dipinto stesso era stato protetto dalle schegge da sacchi di sabbia.
 
Il pericolo maggiore fu causato dal maestro Leonardo da Vinci stesso: non dipinse il quadro al fresco nell'intonaco appena applicato, perché allora avrebbe dovuto lavorare troppo velocemente e, soprattutto, non avrebbe potuto fare correzioni in seguito. Ha sviluppato un metodo per applicare i colori ad olio al secco sul muro essiccato. Così, dopo pochi anni, sono apparse sottili crepe e l'umidità crescente ha decomposto le pitture. Così iniziò una lotta per salvare la pittura del maestro che continua fino ad oggi e ha prodotto soluzioni uniche - anche se il decadimento difficilmente può essere fermato completamente.
 
Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita) 
 
21 anni interi sono stati spesi a Milano per il restauro dell'"Ultima Cena" di Leonardo da Vinci, con i migliori restauratori e i mezzi più moderni della tecnologia avanzata di oggi. Quando l'opera poté essere rivista nel 1999, era veramente come nuova. Non è rimasta traccia dei restauri e delle sovradipinture del passato, anche se l'aspetto originale piuttosto scialbo delude ancora oggi gli osservatori disinformati. Tutta la muffa era stata raschiata dalle fessure più sottili e tutte le tracce di colla erano state rimosse, perché a volte questo era stato fatto per "salvare" il quadro, ma anche, per esempio, per staccarlo dal muro e montarlo altrove. Alcuni apostoli appaiono ora liberati da una barba dipinta più tardi, i colori originali sono riapparsi, piuttosto sobri e "sfumati" però (tipici e inimitabili di Leonardo!), non più sgargianti e quasi kitsch come in seguito spesso "restaurati" secondo il rispettivo gusto dell'epoca. I volti sono stati liberati dalle deformazioni, in Matteo, per esempio, i capelli biondi originali sono stati riscoperti, così come i piedi degli apostoli sotto la tavola. Si possono di nuovo vedere le acconciature, i riccioli e il movimento delle mani e dei piedi, più veri di prima. 
 
Nei primi decenni dopo il 1498, per pura ammirazione, copie di valore di questo capolavoro del genio universale Leonardo da Vinci furono fatte in tutta Europa. Ma poi ci sono stati anche momenti pericolosi per essa, per esempio quando i domenicani stessi hanno allargato la piccola porta della cucina sotto il quadro (forse nell'opinione che il quadro non poteva essere salvato comunque a causa dei danni causati dall'umidità!) e la breccia nel muro ha così semplicemente distrutto i piedi di Gesù. O quando, durante l'occupazione napoleonica, la sala da pranzo, sulla parete nord della quale il quadro è dipinto, fu usata come magazzino e stalla per cavalli, e i soldati puntarono pietre sulla testa e sui piedi degli apostoli e graffiarono gli occhi di alcuni di loro, come era stato fatto prima nella Rivoluzione francese, per privare le persone raffigurate della loro identità. O quando, nel 1943, durante la Grande Guerra, una bomba americana di 2000 kg squarciò il muro sud del refettorio - ma, grazie a Dio, il dipinto stesso era stato protetto dalle schegge da sacchi di sabbia.
 
Il pericolo maggiore fu causato dal maestro Leonardo da Vinci stesso: non dipinse il quadro al fresco nell'intonaco appena applicato, perché allora avrebbe dovuto lavorare troppo velocemente e, soprattutto, non avrebbe potuto fare correzioni in seguito. Ha sviluppato un metodo per applicare i colori ad olio al secco sul muro essiccato. Così, dopo pochi anni, sono apparse sottili crepe e l'umidità crescente ha decomposto le pitture. Così iniziò una lotta per salvare la pittura del maestro che continua fino ad oggi e ha prodotto soluzioni uniche - anche se il decadimento difficilmente può essere fermato completamente.
 
Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

 

21 anni interi sono stati spesi a Milano per il restauro dell'"Ultima Cena" di Leonardo da Vinci, con i migliori restauratori e i mezzi più moderni della tecnologia avanzata di oggi. Quando l'opera poté essere rivista nel 1999, era veramente come nuova. Non è rimasta traccia dei restauri e delle sovradipinture del passato, anche se l'aspetto originale piuttosto scialbo delude ancora oggi gli osservatori disinformati. Tutta la muffa era stata raschiata dalle fessure più sottili e tutte le tracce di colla erano state rimosse, perché a volte questo era stato fatto per "salvare" il quadro, ma anche, per esempio, per staccarlo dal muro e montarlo altrove. Alcuni apostoli appaiono ora liberati da una barba dipinta più tardi, i colori originali sono riapparsi, piuttosto sobri e "sfumati" però (tipici e inimitabili di Leonardo!), non più sgargianti e quasi kitsch come in seguito spesso "restaurati" secondo il rispettivo gusto dell'epoca. I volti sono stati liberati dalle deformazioni, in Matteo, per esempio, i capelli biondi originali sono stati riscoperti, così come i piedi degli apostoli sotto la tavola. Si possono di nuovo vedere le acconciature, i riccioli e il movimento delle mani e dei piedi, più veri di prima. 

Nei primi decenni dopo il 1498, per pura ammirazione, copie di valore di questo capolavoro del genio universale Leonardo da Vinci furono fatte in tutta Europa. Ma poi ci sono stati anche momenti pericolosi per essa, per esempio quando i domenicani stessi hanno allargato la piccola porta della cucina sotto il quadro (forse nell'opinione che il quadro non poteva essere salvato comunque a causa dei danni causati dall'umidità!) e la breccia nel muro ha così semplicemente distrutto i piedi di Gesù. O quando, durante l'occupazione Napoleonica, la sala da pranzo, sulla parete nord della quale il quadro è dipinto, fu usata come magazzino e stalla per cavalli, e i soldati puntarono pietre sulla testa e sui piedi degli apostoli e graffiarono gli occhi di alcuni di loro, come era stato fatto prima nella Rivoluzione francese, per privare le persone raffigurate della loro identità. O quando, nel 1943, durante la Grande Guerra, una bomba americana di 2000 kg squarciò il muro sud del refettorio - ma, grazie a Dio, il dipinto stesso era stato protetto dalle schegge da sacchi di sabbia.

 

Il pericolo maggiore fu causato dal maestro Leonardo da Vinci stesso: non dipinse il quadro al fresco nell'intonaco appena applicato, perché allora avrebbe dovuto lavorare troppo velocemente e, soprattutto, non avrebbe potuto fare correzioni in seguito. Ha sviluppato un metodo per applicare i colori ad olio al secco sul muro essiccato. Così, dopo pochi anni, sono apparse sottili crepe e l'umidità crescente ha decomposto le pitture. Così iniziò una lotta per salvare la pittura del maestro che continua fino ad oggi e ha prodotto soluzioni uniche - anche se il decadimento difficilmente può essere fermato completamente.


Giampietrino - Ultima Cena Leonardo da Vinci copia

20 anni dopo la creazione dell'originale Giampietrino (pittore lombardo della cerchia di Leonardo)
dipinse una copia dell'Ultima Cena in grande dettaglio -

così possiamo immaginare al meglio come fosse il dipinto originale di Leonardo da Vinci.

 

Si crea un capolavoro

 

Dal 1495 al 1498, il capolavoro fu creato nella sala da pranzo del monastero domenicano di Santa Maria delle Grazie a Milano. Un enorme ritratto, 422 per 904 cm, un'estensione spirituale del refettorio nel senso di "tavola dell'altare e tavola dei fratelli". Il committente e mecenate dell'arte era il potente e amante dell'arte milanese Sforza duca Ludovico il Moro, per il quale Leonardo aveva appena completato una grande statua equestre.

All'epoca, i domenicani si aspettavano sicuramente un'immagine in linea con la tradizione: Gesù seduto al centro di una lunga tavola, gli apostoli rigidi e dignitosi a sinistra e a destra, e diagonalmente di fronte a Giuda, il traditore con la borsa dei soldi. Leonardo da Vinci lo ha fatto in modo molto diverso: lo spazio è concepito dalla prospettiva centrale matematicamente costruita del tempo dalla testa di Gesù, tutte le linee rette di profondità formando, per così dire, un alone invisibile evidenziatore intorno a lui. Il centro esatto del dipinto è il tempio destro di Gesù, a quel tempo questo era considerato la sede della ragione nel cervello. Gesù e gli apostoli sono seduti nella parte anteriore della stanza, in modo che siano praticamente inclusi nel giro dei fratelli nel refettorio e possano guardare in basso.

Il Maestro fa a meno delle aureole e classifica Giuda in modo poco appariscente tra gli apostoli ("Uno di voi..."). Secondo i quattro temperamenti classici (Leonardo apprezzava questa antica interpretazione greca del medico greco Ippocrate) divide i dodici apostoli in quattro gruppi - e come è ora improvvisamente tra questi ragazzi originali (immaginiamo diversamente una folla di santi)! Proprio ora Gesù ha detto: "Uno di voi mi tradirà" - il clamore è molteplice e grande, per esempio tra Giovanni, Pietro e Giuda Iscariota. L'interpretazione psicologica delle teste caratteriali degli apostoli indica un nuovo tempo, che ora è interamente orientato all'umano: La vicinanza alla vita è espressa, con le emozioni dei discepoli che mostrano rabbia, delusione, disperazione e stupore.

Una nota scritta da Leonardo stesso esprime al meglio ciò che cercava nei suoi studi preliminari e poi abilmente eseguito nell'opera d'arte: "Uno che stava per bere, ma lasciò la tazza al suo posto e girò la testa verso il narratore. Un altro, intrecciando le dita delle mani e accigliandosi, si rivolge al suo vicino. Un altro, con le mani aperte, mostra i suoi palmi, alza le spalle contro le orecchie e apre la bocca per lo stupore. Un altro dice qualcosa all'orecchio del suo vicino, e quest'ultimo, ascoltando, si gira verso di lui e dà l'orecchio, con un coltello in una mano e il pane tagliato con quel coltello nell'altra. Un altro, con un coltello in mano, si gira e rovescia con la mano una tazza sul tavolo. Un altro mette le mani sul tavolo e fissa. Un altro colpo sul suo morso. Un altro si sporge in avanti per vedere il narratore, ombreggiando gli occhi con la mano. Un altro fa un passo indietro, dietro a quello che si sporge in avanti, e guarda tra il muro e quello che si sporge in avanti verso il cassiere".

20 anni dopo la creazione dell'originale Giampietrino (pittore lombardo della cerchia di Leonardo)
(pittore lombardo della cerchia di Leonardo) dipinse una copia dell'Ultima Cena in grande dettaglio -
così possiamo immaginare al meglio come fosse il dipinto originale di Leonardo da Vinci.
 
 
 
Si crea un capolavoro
 
Dal 1495 al 1498, il capolavoro fu creato nella sala da pranzo del monastero domenicano di Santa Maria delle Grazie a Milano. Un enorme ritratto, 422 per 904 cm, un'estensione spirituale del refettorio nel senso di "tavola dell'altare e tavola dei fratelli". Il committente e mecenate dell'arte era il potente e amante dell'arte milanese Sforza duca Ludovico il Moro, per il quale Leonardo aveva appena completato una grande statua equestre.
 
All'epoca, i domenicani si aspettavano sicuramente un'immagine in linea con la tradizione: Gesù seduto al centro di una lunga tavola, gli apostoli rigidi e dignitosi a sinistra e a destra, e diagonalmente di fronte a Giuda, il traditore con la borsa dei soldi. Leonardo da Vinci lo ha fatto in modo molto diverso: lo spazio è concepito dalla prospettiva centrale matematicamente costruita del tempo dalla testa di Gesù, tutte le linee rette di profondità formando, per così dire, un alone invisibile evidenziatore intorno a lui. Il centro esatto del dipinto è il tempio destro di Gesù, a quel tempo questo era considerato la sede della ragione nel cervello. Gesù e gli apostoli sono seduti nella parte anteriore della stanza, in modo che siano praticamente inclusi nel giro dei fratelli nel refettorio e possano guardare in basso.
 
Il Maestro fa a meno delle aureole e classifica Giuda in modo poco appariscente tra gli apostoli ("Uno di voi..."). Secondo i quattro temperamenti classici (Leonardo apprezzava questa antica interpretazione greca del medico greco Ippocrate) divide i dodici apostoli in quattro gruppi - e come è ora improvvisamente tra questi ragazzi originali (immaginiamo diversamente una folla di santi)! Proprio ora Gesù ha detto: "Uno di voi mi tradirà" - il clamore è molteplice e grande, per esempio tra Giovanni, Pietro e Giuda Iscariota. L'interpretazione psicologica delle teste caratteriali degli apostoli indica un nuovo tempo, che ora è interamente orientato all'umano: La vicinanza alla vita è espressa, con le emozioni dei discepoli che mostrano rabbia, delusione, disperazione e stupore.
 
Una nota scritta da Leonardo stesso esprime al meglio ciò che cercava nei suoi studi preliminari e poi abilmente eseguito nell'opera d'arte: "Uno che stava per bere, ma lasciò la tazza al suo posto e girò la testa verso il narratore. Un altro, intrecciando le dita delle mani e accigliandosi, si rivolge al suo vicino. Un altro, con le mani aperte, mostra i suoi palmi, alza le spalle contro le orecchie e apre la bocca per lo stupore. Un altro dice qualcosa all'orecchio del suo vicino, e quest'ultimo, ascoltando, si gira verso di lui e dà l'orecchio, con un coltello in una mano e il pane tagliato con quel coltello nell'altra. Un altro, con un coltello in mano, si gira e rovescia con la mano una tazza sul tavolo. Un altro mette le mani sul tavolo e fissa. Un altro colpo sul suo morso. Un altro si sporge in avanti per vedere il narratore, ombreggiando gli occhi con la mano. Un altro fa un passo indietro dietro a quello che si sporge in avanti, e guarda tra il muro e quello che si sporge in avanti verso il cassiere".
 
Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

Bene e male, amore e odio

 

Giuda Iscariota - saliera - Leonardo da Vinci

Giuda Iscariota - saliera

Dettaglio (da sinistra): Andrea, Giuda, Pietro e Giovanni

 

Si dice che Leonardo abbia studiato attentamente e raffigurato abilmente ogni persona con il suo carattere, le espressioni facciali e il più piccolo dettaglio. Probabilmente la cosa più sorprendente è Giuda, che tradì Gesù. Viene mostrato seduto di fronte a Pietro, agitando pericolosamente il suo coltello ("Spada contro Malchus"). Dietro di lui c'è suo fratello Andrea, e accanto a lui Giovanni da giovane, profondamente triste ma calmo - certamente nessun sospetto cade su di lui. Seguendo una tradizione un po' stravagante, si potrebbe anche vedere Maria Maddalena in Giovanni, il momento femminile di questo quadro.

Giuda non è dipinto in modo distaccato, ma come "uno di voi..." Stringe la borsa con il denaro del sangue per lo spavento e raggiunge il pane e il piatto con la mano sinistra, il suo sguardo e il suo volto sembrano sconvolti oltre Gesù. E un dettaglio incredibile: fa cadere il barattolo del sale con il gomito destro, questo porta il disastro, ancora oggi un italiano getterebbe immediatamente un pizzico del sale versato sopra la sua spalla sinistra, in faccia al diavolo che si annida lì. Soprattutto il dettaglio mostra come l'amore e l'odio, il bene e il male sono qui rappresentati fianco a fianco, e l'uno appare più efficace sullo sfondo dell'altro.

Bene e Male, Amore e Odio
 
 
 
Giuda Iscariota - saliera
Dettaglio (da sinistra): Andrea, Giuda, Pietro e Giovanni.
 
 
 
Si dice che Leonardo abbia studiato attentamente e raffigurato abilmente ogni persona con il suo carattere, le espressioni facciali e il più piccolo dettaglio. Probabilmente la cosa più sorprendente è Giuda, che tradì Gesù. Viene mostrato seduto di fronte a Pietro, agitando pericolosamente il suo coltello ("Spada contro Malchus"). Dietro di lui c'è suo fratello Andrew, e accanto a lui John da giovane, profondamente triste ma calmo - certamente nessun sospetto cade su di lui. Seguendo una tradizione un po' stravagante, si potrebbe anche vedere Maria Maddalena in Giovanni, il momento femminile di questo quadro.
 
Giuda non è dipinto in modo distaccato, ma come "uno di voi..." Stringe la borsa con il denaro del sangue per lo spavento e raggiunge il pane e il piatto con la mano sinistra, il suo sguardo e il suo volto sembrano sconvolti oltre Gesù. E un dettaglio incredibile: fa cadere il barattolo del sale con il gomito destro, questo porta il disastro, ancora oggi un italiano getterebbe immediatamente un pizzico del sale versato sopra la sua spalla sinistra, in faccia al diavolo che si annida lì. Soprattutto il dettaglio mostra come l'amore e l'odio, il bene e il male sono qui rappresentati fianco a fianco, e l'uno appare più efficace sullo sfondo dell'altro.