Marcel Duchamp - Nudo che scende le scale

 

È un immagine che non è immediatamente comprensibile per lo spettatore. Già un orientamento "su - giù" è difficile, un po facilitato solo da una grande iscrizione del titolo dell'immagine "Nudo che scende le scale".

 

L'abbondanza di tantissime forme annidate e taglienti è duramente contornate in nero. Tuttavia, alcune linee ci sono, ma non sono angolari, piuttosto scheggiate, oscillanti, arcuate. Lentamente l'occhio si abitua al caos e avverte un certo spazio, ma figure e sottofondo si penetrano vicendevolmente. Ciò è dovuto anche ai colori monocromatici del quadro, i toni caldi vanno dal marrone scuro al beige chiaro e prendono alle forme acute un po della nitidezza. Solo l'angolo inferiore sinistro e superiore destro sono tenuti più scuri come il resto dell'immagine. Quindi tutte le altre parti emergono più luminosi e si sviluppa una direzionalità che va dal sinistro in alto verso la destra in basso.

 

 

Duchamp   -  Nudo che scende le scale

Marcel Duchamp   -  Nudo che scende le scale (1912)

 
 

Senza un titolo saremmo lasciati soli e privi d‘aiuto davanti a un quadro che potrebbe essere classificato come "astratto e senza soggetto". Lavoretto come in un puzzle, possono ora essere scoperti parti dell'immagine: dall’alto in basso "scala", poi "gambe" angolate alle ginocchia, forse anche braccia, corpo e testa. In alto, eventualmente, la continuazione di una "scala". Ora si possono indovinare anche una serie di collegamenti singoli robot che si muovono in un certo ritmo verso il basso - a scatti come richiede una rampa tecnica tipo scala automatica. Ora, le curve ad arco sopra citati sono plausibili: dovrebbero "descrivere" una direzione dinamica di movimento.

Un quadro è un tentativo di rappresentare una mozione con risorse sceniche. Duchamp affronta il problema in un modo nuovo. Egli raccoglie le nuove idee del cubismo e in particolare del futurismo italiano. I pittori italiani Carlo Carrà, Umberto Boccioni, Luigi Russolo, Giacome Balla, Gino Severini hanno sviluppato dal cubismo statico il proprio concetto nuovo dinamico futuristico.

Duchamp parte dal principio futuristico di "dinamismo" e „simultaneità“: non fissa una figura in movimento come in una foto, ma la smonta in molte diverse fasi di movimento, dando l'impressione di un complesso movimento successivo. Emozionante e stimolante per questi esperimenti è stato - oltre al generale entusiasmo per la tecnologia di quel tempo - in particolare un'arte che allora era ancora ai suoi inizi, che ha voluto rendere visibile i movimenti: la fotografia. E da quella si è sviluppato l’arte delle immagini che hanno imparato a camminare - il film.

 

 

 nudo scende scale fotografia chrono


"E 'una donna? Si tratta di un uomo? No. A dire il vero, non ho mai pensato a quello che è. Perché dovrei pensare? 

Le mie foto non rappresentano oggetti, ma astrazioni. „Nudo che scende le scale“ è un'astrazione del movimento. L'introduzione di un movimento, il movimento reale, in un'opera d'arte, perché nessuno ci aveva pensato prima. 

I futuristi lo hanno programmato allo stesso tempo, fosse in qualche modo era nell'aria causa dell'invenzione del film, del cinema. L'idea di un nudo che scende una scala, a causa del fatto che avevo visto fotografie chiamat chrono-fotografie. Sono stato particolarmente affascinato dall'idea di mostrare il movimento di una figura nuda impegnata giù per le scale e a rispettare i mezzi di immagini statiche. [...] 

La gente risponde a me che questo mezzo in nessun modo riflette l'idea del movimento. E In realtà non esiste davvero, ma lo descrive. E, infine, un quadro è un diagramma di un'idea, e in questo caso non fu ancora mai fatto." (Duchamp 1968)


 

Marcel Duchamp è nato nel 1878 a Blainville vicino a Rouen. Nel 1904 si reca a Parigi e è stato  introdotto dai suoi due fratelli maggiori nel mondo dell'arte. I suoi primi lavori riflettono gli stili artistici dell'inizio del 20 ° secolo: Cézanne, Art Nouveau, Fauvismo e Cubismo. "Ho completato otto anni di esercizi di nuoto", dice Duchamp da se stesso in questo periodo.

Solo nel 1911 ci sono immagini di un personaggio diverso e poi arriva 1913 il successo: egli mostra in una mostra a New York quattro immagini, vendendo per un prezzo molto alto il quadro "Nudo che scende le scale".

La buona eco del suo lavoro in America ha spinto Duchamp nel 1915 per la rimozione a New York. Lì incontra il suo amico Francis Picabia, con il quale pubblica una rivista, in cui riassume e propaga ciò che nell'arte è annunciato al momento: un rovesciamento di tutte le misure finora validi di valore, il movimento dell'anti-arte del cosiddetto Dadaismo.

Duchamp ha tentato negli anni successivi a svezzare fuori il dipinto, di disimparare esso e 1923 finalmente di smettere con la pittura su. Tra il 1920 e il 1926 si è agganciato rinforzando la produzione di oggetti e dei suoi famosi "ready-made", la prima delle quali già 1913: ha montato la ruota anteriore e la forcella di una bicicletta su uno sgabello a tre gambe.

È tipico di Duchamp che giudicò la sua astinenza dalla pittura molto sobrio. Una volta disse: "Considero la pittura come mezzo di espressione, tra molti altri, e come obiettivo finale, che deve essere completata per una vita intera.". Duchamp rappresenta un tipo completamente nuovo di artisti che era finora sconosciuto. Egli appartiene al nuovo tipo di creatore, le sue opere sono spesso finite in un lungo processo di pensiero, durante il quale egli era a malapena produttivo. Quindi il suo vero significato non è facile da stimare.